- 02 febbraio 2023, 11:30

Veronesi Protagonisti 2023: Carlo Trestini

Carlo Trestini, Presidente ANCE Verona

Carlo Trestini, Presidente ANCE Verona

Da quando è stata fondata nel 1946,  ANCE Verona, la rappresentanza territoriale dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili, mira a tutelare l’imprenditoria edile e l’industria delle costruzioni, interfacciandosi in particolare con le amministrazioni pubbliche per veicolare le istanze del settore e lavorare con esse a soluzioni comuni.

Un periodo particolare, per ANCE Verona, quello degli ultimi mesi, con tanti e diversi argomenti in discussione sui tavoli istituzionali. È recente la riduzione, nel decreto Aiuti-quater, dell’aliquota del Superbonus dal 110% al 90%, con scadenze prorogate di tre mesi, a marzo 2023, per le villette unifamiliari che abbiano completato almeno il 30% dei lavori nel mese di settembre 2022. Tema molto sentito in ANCE, che da tempo chiedeva una proroga di almeno sei mesi. «La proroga fino a marzo - commenta Carlo Trestini, presidente ANCE Verona - ci accontenta fino ad un certo punto: la frenesia di concludere le operazioni in corso è tanta e del tempo ulteriore per calmierare la fretta e dare la possibilità di reperire i materiali in questo momento di difficile acquisizione è certamente positivo. Il decreto però ci ha lasciati molto perplessi non tanto per il décalage da tempo preventivato, quanto per l’entrata in vigore immediata, poiché chi è in fase di progettazione non può più usufruirne». 

Una misura, il Superbonus, introdotta per far ripartire un comparto indispensabile per l’italia, che ne rappresenta circa il 5% del PIL e che nel 2021 ha visto un incremento degli investimenti nel settore del +16,4%, ma per la quale è sempre mancata la corretta regolamentazione. «Quello che forse non si è capito a livello governativo - prosegue Trestini - è il tempo necessario per ottenere le autorizzazioni necessarie al nostro settore per procedere con i lavori, che in alcuni casi possono richiedere anni. La burocrazia è farraginosa e agire senza tenere conto dei suoi tempi penalizza chi si muove correttamente».

La stessa problematica rischia di presentarsi con i fondi del PNRR: tempi brevissimi calcolati sulla carta, per nulla coincidenti con la realtà. I dati nazionali, per fare un esempio, parlano in media di sette anni dallo stanziamento di un finanziamento all’effettiva messa in gara del bando. «Rischiamo speculazioni ed errori dettati dalla fretta, per questo chiediamo una dilatazione dei tempi anche in relazione al PNRR e soprattutto la possibilità di calmierare i prezzi».

La vera sfida per il futuro, però, porta il nome di sostenibilità, un punto sul quale ANCE Verona insiste da anni, investendo nella formazione delle imprese associate. Una sostenibilità declinata in diversi ambiti: dalla rigenerazione urbana all’uso dei materiali e degli impianti più adatti e performanti. «Un edificio sostenibile non è solo l’edificio che consuma poco - sottolinea Trestini - ma anche quello che rispetta l’ambiente sin dalla scelta dei materiali per la costruzione. Nel momento in cui realizziamo nuovi fabbricati dobbiamo già pensare alla loro manutenzione futura e addirittura al loro smaltimento. Non si può pensare alla sostenibilità solo nel breve periodo, ma urge un ragionamento a lungo termine, per non lasciare alle prossime generazioni problematiche ingigantite dalla mancanza di serietà con cui si sono affrontate alcune tematiche oggi». 

Verona 2040

“Verona 2040” è il progetto che ANCE sta portando avanti insieme a Confindustria, delineato le linee di sviluppo per la città scaligera e il suo territorio nei prossimi 20 anni. Dallo scorso settembre è online il portale dedicato che, oltre alla raccolta dei documenti di ricerca, contiene news dal territorio, testimonianze di esperti e opinion leader sui diversi argomenti e lo stato di avanzamento dei progetti che si stanno realizzando a partire dai sei obiettivi: Crescita demografica, Sviluppo Infrastrutturale, imprese e attrattività, qualità della vita e sostenibilità, cultura e giovani.

Leggi Veronesi Protagonisti 2023

Redazione Verona Network

SU