Veronesi Protagonisti | 06 febbraio 2023, 10:30

Veronesi Protagonisti 2023: Michela Ledri

Michela Ledri, Capitano Hellas Verona Women

Michela Ledri, Capitano Hellas Verona Women

Per scoprire quando Michela Ledri, oggi capitano dell’Hellas Verona Women, si è avvicinata al calcio, è necessario tornare indietro di parecchi anni. La passione nasce in famiglia: il padre e il fratello giocavano a calcio, la mamma faceva tornei estivi di paese, gli zii giocavano a calcio. «Quando mi hanno regalato la prima bambola l'ho presa a calci e han capito che forse era meglio regalarmi il pallone» ci rivela. Un percorso naturale, quello verso lo sport del calcio, che la vede impegnata dall’età di cinque anni. «Fino ai 14 anni ho giocato con i miei coetanei maschi - racconta -, dopodiché sono passata al Bardolino Verona, squadra femminile, perché appunto non potevo più giocare con gli uomini. Per me è stata una scoperta: venendo da un piccolo paesino (Sant'Anna d'Alfaedo, ndr), non pensavo si potesse andare a giocare con solo femmine».

La partecipazione al mondiale 2019, dopo vent'anni d'assenza, rappresenta un punto di svolta per il movimento del calcio femminile in Italia. «Da da quel momento siamo state molto seguite e tutto il mondo del calcio femminile ha fatto quel passo in più per essere considerato come sport di alto livello». Da due anni Ledri è capitano dell’Hellas Verona Women, dopo aver raccolto il testimone da Giorgia Motta, «un buon esempio di capitano e di persona, che mi ha lasciato tanto. Diventare capitano della squadra del cuore dalla nascita - rivela Ledri - è un orgoglio grandissimo e una grande gioia. In questo ruolo mi ritrovo a fare attenzione a tante piccole cose che prima davo per scontate. In campo io cerco sempre di dare il massimo, di non mollare mai: questa è la mia forza più grande e spero sempre di riuscire a trasmettere la mia energia alla squadra con una parola, un gesto o un'azione». A ispirarla sono da sempre grandi campioni: Javier Zanetti, ex capitano dell'Inter, e Roberto Carlos. Tra le colleghe spunta invece il nome di Lisa Boattin, «a mio parere uno dei terzini più forti, in questo momento».

Michela Ledri vanta anche esperienze in maglia azzurra: prima nelle giovanili, poi nella nazionale maggiore, anche se l’esperienza è stata segnata dalla rottura del crociato. «Sono stata sfortunata, ma sono riuscita a godermi le giovanili. Ad oggi sono certa che un punto fondamentale della mia carriera sia stato disputare i Mondiali Under 20 in Giappone: sono emozioni difficili da descrivere ma che ricordo benissimo, nonostante siano passati dieci anni». 

Alle giovani ragazze che oggi volessero intraprendere un percorso professionale simile al suo, Michela Ledri consiglierebbe come prima cosa di credere sempre nelle proprie potenzialità. «Siamo noi a doverci credere, prima di ogni altro là fuori. Immancabile poi la passione, ma ancora prima il divertimento: uno sport deve divertire, poi può diventare una passione e una professione. Fondamentale anche il supporto da parte della famiglia: sono la prima a dover ringraziare i miei genitori, i miei primi tifosi e aiutanti, che per molti anni mi hanno portata a Bardolino quotidianamente, partendo dalla montagna. Con i risultati ottenuti sto ripagando in primis i loro sacrifici».  

Per il futuro, soprattutto con il suo Hellas Verona Women, l’obiettivo di Michela Ledri è quello di migliorarsi ogni volta che scende in campo. «La mia voglia è sempre maggiore a ogni partita, anche se l'età avanza. Ho voglia di entrare in campo, fare sempre meglio e cercare anche di imparare cose nuove: se lavoriamo tutte insieme in questa direzione possiamo raggiungere buoni risultati».

La miglior calciatrice della stagione 2021/22

Lo scorso novembre, in occasione della ventiduesima edizione del Galà del Calcio Triveneto, al Teatro Comunale Città di Vicenza, Michela Ledri è stata premiata dall'Associazione Italiana Calciatori come migliore giocatrice del Triveneto della passata stagione, 2021/22. La numero 3 gialloblù è stata premiata da Gianni Grazioli, Direttore Generale dell’Associazione Italiana Calciatori, e Alberto Nuvolari, Presidente dell’Unione Stampa Sportiva Italiana del Veneto. «Un premio che dà tante soddisfazioni - commenta -, e che arriva davvero inaspettato. Ne vado fiera e sono davvero felice». 

Leggi Veronesi Protagonisti 2023

Redazione Verona Network