La community | 23 maggio 2023, 11:00

Dove la sostenibilità è la normalità

Enrico Cornale, Titolare Angolo di Caty

Enrico Cornale, Titolare Angolo di Caty

La storia dell’Angolo di Caty prende avvio nel 1989 a Verona, con un’impresa, la Caty Servizi, che forniva servizi di pulizia. Da piccola realtà, oggi Caty Servizi conta 20 addetti che erogano oltre 30.000 ore di pulizia l’anno ad una clientela attenta ed esigente. Nel 2019, in occasione dei 30 anni di attività, la famiglia Cornale ha deciso di aprire un piccolo punto vendita. «Nella nostra sede - racconta Enrico Cornale, titolare dell’Angolo di Caty - c’era un piccolo spazio vuoto, un “angolo” per l’appunto, che volevamo adibire a vendita di quei detersivi che venivano utilizzati professionalmente e che i nostri clienti ci chiedevano di acquistare. Ci siamo fatti prendere la mano e L’Angolo di Caty si è trasformato in un vero e proprio negozio con e-commerce.

Partito con l’idea di offrire prodotti professionali che fossero adatti anche all’uso domestico, oggi l’angolo di Caty è una eco-boutique cresciuta grazie agli spunti di riflessione e ai suggerimenti dei clienti. «Hanno iniziato a chiedere di poter ricaricare alla spina i nostri detergenti: da quel momento non ci siamo più fermati e abbiamo fatto della sostenibilità un progetto da approfondire giorno dopo giorno inserendo sempre più prodotti senza plastica ed orientati alla riduzione degli sprechi» aggiunge Cornale. 

Ai detergenti per il bucato e le pulizie si sono presto aggiunti quelli per la cura della persona, i cosmetici solidi e gli olii essenziali. I prodotti sono per quanto possibile vegani e plastic free, o in alternativa con plastica di riciclo, spesso di riciclo oceanico. «Oggi, ai nostri clienti, offriamo una vasta gamma di prodotti che negli anni abbiamo studiato, provato e scandagliato, così da poterlo proporre con tutte le informazioni che servono ad un utilizzo corretto, efficace e consapevole. Abbiamo oltre 80 prodotti in ricarica alla spina, per il bucato le pulizie e la cura della persona. A questi si aggiungono prodotti cosmetici solidi ed accessori, come shampoo, bagnodoccia, balsami, olio corpo, creme viso e dentifrici, in formato solido o con flaconi in plastica oceanica di recupero o da canna da zucchero. Infine proponiamo una vasta gamma di oli essenziali per aromaterapia, così da sfruttare proprietà biochimiche e aromaterapiche delle piante». 

Alla base, una filosofia tanto semplice quanto rivoluzionaria: la scelta di uno stile di vita sostenibile non può essere repentino, ma deve avvenire con gradualità e soprattutto consapevolezza. «Dobbiamo pensare alla sostenibilità come abitudine quotidiana, non come qualcosa da fare sporadicamente, giusto per sentirci in pace con la nostra coscienza. Chi non ha mai fatto una scelta di questo tipo può iniziare a ricaricare la spina. Poi può passare all’acquisto di un nuovo prodotto, magari anche sintetico, ma iniziando a non usare più la plastica. Poi, con il tempo, lo portiamo verso una scelta più sostenibile, con formulazioni vegetali e biodegradabili. Chiunque deve provare a ridurre il suo impatto sull’ambiente, in base alle sue esigenze e abitudini: è questo ciò che può fare la differenza» racconta Cornale. 

Per raggiungere questa consapevolezza, l’Angolo di Caty organizza corsi di formazione volti a educare e sensibilizzare la clientela e offre contenuti di approfondimento in un’apposita sezione del sito internet, dove si affrontano diverse tematiche, quali le tecniche di pulizia e gestione della casa o consigli di bellezza, per far sì che la presa di coscienza in ambito di sostenibilità non venga mai vissuta come un’aggressione, ma sempre con la giusta gradualità. «Vogliamo divulgare la sostenibilità nei suoi aspetti più reali - commenta Enrico Cornale -. Ci piace spiegare e raccontare cosa vendiamo, ma soprattutto insegnare come usarlo correttamente. Non va mai dimenticato come sia il consumatore ad avere il potere di modificare il mercato, chiedendo prodotti nuovi e maggiori attenzioni. Sono le persone, con le loro piccole scelte, a fare la differenza».

Leggi Obiettivo Sostenibilità 2023 

Redazione Verona Network