Cultura e spettacoli | 21 febbraio 2024, 15:45

Un dovere verso il futuro: al Camploy lo spettacolo "H2OMIX"

Un dovere verso il futuro: al Camploy lo spettacolo "H2OMIX"

Su regia di Cristiano Fagioli e coreografie di Cristina Ledri, è andato in scena al Teatro Camploy martedì 20 e mercoledì 21 febbraio lo spettacolo "H2OMIX", eseguito dalla compagnia RBR Illusionisti della Danza, un viaggio che sul gioco delle illusioni ha fatto riflettere sul significato, sul simbolismo e sull’importanza dell’acqua e sulla responsabilità moderna di preservarla.

«I nostri spettacoli sono propedeutici a sensibilizzare l’opinione pubblica sulla cura dell’ambiente – ha spiegato il regista – siamo partiti con Indaco nel 2015, parlando della Terra in generale, e poi è venuto Boomerang, incentrato sui problemi ambientali come lo scioglimento dei ghiacciai e la problematica della plastica negli oceani. Dopo una pausa con uno spettacolo nel 2022 dedicato ad Antonio Canova, per i duecento anni dalla sua morte, ci siamo concentrati dal 2023 ad H2OMIX, dedicato all’acqua e alla sua importanza nell’equilibrio della vita».

Quasi un viaggio nel tempo quello che è stato fatto vivere agli spettatori che, con il gioco delle illusioni, hanno avuto la suggestione di poter osservare i “primi” uomini della preistoria considerare l’acqua come il più sacro degli elementi. Ma giochi anche di colore, tra blu e verde, per simboleggiare il legame antichissimo dell’acqua con il terreno, nonché la forza della natura. «Tanto il lavoro al disegno-luci, magia e ingegno, le nostre produzioni hanno l’obiettivo di sensibilizzare con lo stupore. Perché il pubblico ne resti impressionato».

Partiti dal Teatro Ballarin, sono stati ad Assisi, Campobasso ed infine a Siena, prima di ritornare con due date a Verona. In marzo, prossimi spettacoli a Ferrara, il 16, Firenze, il 21, e Lecce al 24. Fine della tournée il 20 maggio a Milano.

Curato dalla coreografa Cristina Ledri per la regia di Cristiano Fagioli, in scena hanno danzato Cristina Ledri, Alessandra Odoardi, Francesca Benedetti, Michela Moretti, Riccardo Tosi e Daniele Bracciale.

Alice Martini