Community | 05 marzo 2024, 15:28

Tecnostile, General Contractor per vocazione

Tecnostile, General Contractor per vocazione

Un ponte tra due mondi: quello dell’edilizia e quello della progettazione. In qualità di General Contractor, Tecnostile Srl SB si pone a metà strada, assumendo, il ruolo di interfaccia centrale tra tutti i soggetti coinvolti nel progetto, compresi i clienti, gli architetti, gli ingegneri, i fornitori e gli artigiani specializzati.

Tecnostile ha sviluppato negli anni un forte know-how nella gestione dei cantieri, svolgendo un importante lavoro di coordinamento e assumendosi la responsabilità di ogni lavorazione eseguita, diventando quindi unico punto di riferimento per il cliente. Lo scopo è di accorpare le diverse professionalità specializzate e di coordinarle in maniera efficace al fine di garantire tempi e costi certi e al contempo la massima qualità della realizzazione.

«Tecnostile si struttura in 6 aree di alta specializzazione: Office, Bank, Medical, Hospitality, Food & Beverage e Home - spiega Daniele Zocca, CEO di Tecnostile -. La gestione indipendente di queste Business Unit ci permette di avere un focus sui clienti di ciascun settore, traducendo le esigenze e i desideri in un piano concreto».

Da come gestire la parte operativa ed esecutiva di un progetto, fino alla sua realizzazione, l’iter può essere interamente affidato ai 47 professionisti che lavorano in Tecnostile: «Ingegneri, architetti, project manager, e tanti altri. Una ricchezza di competenze sempre più trasversali, tutte nella stessa azienda, che ci consente di avere risposte certe e immediate. È la nostra marcia in più» continua Zocca. «Le Società Benefit (SB) rappresentano un modello innovativo di fare impresa che ha a cuore non solo l’interesse dell’imprenditore e degli azionisti, ma anche quello della collettività e dell’ambiente - spiega il CEO -. Per dimostrare concretamente questo impegno siamo tenuti a redigere una Relazione Annuale di Impatto, testimonianza del nostro contributo concreto a tradurre in realtà gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030».

Punti di forza che si vanno ad aggiungere a quelli che Tecnostile ha reso segni distintivi: l’approccio al cliente, tempi e costi certi e un unico punto di riferimento. «L’attenzione al cliente è un punto cruciale, perché spesso chi non è del settore ha un’idea che non necessariamente è quella più adatta o compatibile con le sue esigenze. Noi riusciamo a presentare al cliente un ricco ventaglio di possibilità per realizzare il suo progetto nel migliore modo possibile. Tecnostile si configura inoltre come il partner ideale per i progettisti, assumendosi il compito di gestire e organizzare il cantiere insieme alle sue incombenze e permettendo così ai progettisti di concentrarsi appieno sul processo creativo, senza preoccupazioni operative».

Il futuro? È ricco di aspirazioni: «Attualmente operiamo prevalentemente nel Triveneto e, solo per il settore dell’Hospitality, in ambito nazionale - conclude Zocca -. L’obiettivo è quello di riuscire con tutti i nostri servizi a muoverci su tutta Italia e, perché no, un po’ alla volta ampliare il raggio di intervento anche all’estero».