Community | 27 giugno 2024, 15:15

Gli Strumenti a supporto della Sostenibilità e del Reporting

Gli Strumenti a supporto della Sostenibilità e del Reporting

Con l'adozione della Direttiva CSRD n. 2022/2464, le imprese europee si trovano di fronte a sfide e opportunità senza precedenti. Questa direttiva non solo impone nuovi obblighi di sostenibilità, ma apre anche la strada a una gestione aziendale più consapevole e orientata al valore. In un contesto in cui il rigore tecnico e formale è alla base delle politiche di Global Reporting Initiative (GRI), European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) e altri organismi, le aziende devono attrezzarsi per rispondere in modo efficace.

Le normative come la UNI EN ISO 14001, la SA8000 sull'etica, la PdR125 per la parità di genere e la UNI EN ISO 45001 per la salute e la sicurezza sul lavoro, stabiliscono un sistema di gestione che può rivelarsi cruciale. Questi standard non solo guidano le aziende nella costruzione di un robusto report di sostenibilità, ma favoriscono anche l'integrazione delle pratiche di sostenibilità nei processi aziendali quotidiani.

Importante è anche l'analisi energetica permessa dalla UNI CEI EN ISO 50001, che gioca un ruolo fondamentale nel monitorare e migliorare l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di gas serra. Questo non solo aiuta a conformarsi agli obblighi internazionali ed europei, ma è anche una risposta diretta alle aspettative del mercato e degli stakeholder.

La CSRD offre quindi un'opportunità unica per le imprese di adottare un approccio sistemico alla sostenibilità, collegando diverse attività aziendali e organizzandole in una strategia coesa che copre l'energia, l'efficienza degli impianti e l'economia circolare. Un piano industriale aziendale all’avanguardia, che si estende al medio e al lungo termine, deve ora essere fondamentalmente basato sulla sostenibilità e in linea con la tassonomia sulla finanza sostenibile.

Questo quadro di sfide e opportunità si inserisce nel contesto più ampio dell'Agenda ONU 2030 e degli Science Based Target, esemplificando un impegno globale verso l'innovazione sostenibile. Inoltre, l'aumento degli strumenti di disclosure come i questionari del CDP o Ecovadis amplifica l'importanza di una comunicazione trasparente e responsabile.

L'obiettivo di un’impresa, a fronte di questa complessità nuova, deve essere garantirsi la continuità aziendale e procedere nel percorso verso la Twin Transition, integrando le transizioni ecologiche e digitali previste dal Green Deal UE.

La transizione verso modelli di business sostenibili non è solo una necessità, ma una strategica opportunità di crescita e di consolidamento a lungo termine per le aziende che decidono di intraprendere questo percorso innovativo quanto prima.

 

Beatrice Scappini