Community - 29 giugno 2024, 16:47

Intelligenza artificiale sostenibile? Gli impatti ESG

Intelligenza artificiale sostenibile? Gli impatti ESG

L’intelligenza artificiale (AI) è spesso vista come una porta verso un futuro innovativo e tecnologicamente avanzato. Tuttavia, dietro questa facciata di efficienza e progresso, si nasconde un lato oscuro: l’impatto ambientale e sociale di questi strumenti.

Le tecnologie basate sull’AI richiedono enormi quantità di risorse energetiche. I data center, essenziali per il funzionamento delle AI, consumano ingenti quantità di elettricità sia per le operazioni che per il raffreddamento delle infrastrutture. Secondo uno studio del Massachusetts Institute of Technology, l’addestramento di un singolo modello di AI può generare emissioni di anidride carbonica pari a quelle di cinque automobili durante il loro intero ciclo di vita. Oltre al consumo energetico, l’estrazione di minerali rari necessari per la produzione di componenti tecnologici ha un impatto devastante sull’ambiente: le miniere di litio, cobalto e altre terre rare non solo danneggiano gravemente gli ecosistemi locali, ma pongono anche gravi rischi per la salute delle comunità coinvolte. La crescente domanda di queste risorse, spinta dallo sviluppo dell’AI, sta accelerando la crisi ambientale globale.

L’automazione e l’AI stanno trasformando radicalmente il mondo del lavoro, sollevando seri interrogativi sulla sostenibilità sociale di queste tecnologie. Molti lavoratori si trovano a rischio a causa della crescente automazione dei processi produttivi. Secondo un rapporto del World Economic Forum, entro il 2025, l’automazione potrebbe causare la perdita di 85 milioni di posti di lavoro a livello globale. Questa trasformazione impone una ridefinizione dei ruoli e delle competenze lavorative. I lavoratori dovranno acquisire nuove competenze per rimanere competitivi in un mercato del lavoro in continua evoluzione, un processo che richiede investimenti significativi in formazione e sviluppo professionale. Tuttavia, non tutte le fasce della popolazione avranno uguale accesso a queste opportunità, rischiando di ampliare ulteriormente le disuguaglianze sociali. Le aziende e i governi devono affrontare la sfida di gestire questa transizione in modo equo e sostenibile. È fondamentale implementare politiche di riqualificazione e supporto per i lavoratori colpiti dall’automazione, garantendo una rete di sicurezza sociale adeguata. Inoltre, è necessario promuovere una governance responsabile dell’AI, assicurando che lo sviluppo tecnologico sia allineato con gli obiettivi di sostenibilità e giustizia sociale.

L’AI rappresenta una frontiera tecnologica con enormi potenziali, ma anche con significativi costi ambientali e sociali. Per garantire un futuro sostenibile, è cruciale affrontare le sfide legate al consumo energetico e alle implicazioni lavorative dell’AI. Solo attraverso una governance responsabile e un impegno collettivo verso la sostenibilità possiamo mitigare l’impatto negativo e sfruttare al meglio i risvolti positivi di queste tecnologie, costruendo un mondo che sia veramente innovativo e sostenibile per tutti.

LEGGI OBIETTIVO SOSTENIBILITÀ 2024

SU